Biografia di Batista - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 20.2 Wrestling Cafe
 19.2 WWE Planet
 19.2 WWE Main Event Report
 18.2 Bet on him - BET ON... WILL OSPREAY?
 18.2 ROH TV Report
 17.2 TW Risponde
 17.2 Impact Wrestling Report
 
 



 
 
 


BATISTA


David Bautista nasce il 18 gennaio 1969 a Washington, DC. Da giovane lavora come buttafuori in molti locali della zona e partecipa a delle gare di body building, disciplina che gli piace molto. Un giorno, nel corso di uno show di body building a Minneapolis conosce Road Warrior Animal & Curt Hennig, che gli consigliano di provare a diventare un wrestler. Batista riesce ad ottenere, nel 1997, un provino al Power Plant della WCW, dove gli viene detto che non riuscità mai a diventare un wrestler. Davida prova allora a farsi allenare alla Wild Samoan Wrestling School di Afa.

Batista entra così nel mondo del wrestling nel 1997, a ventotto anni. L'esordio in una vera e propria federazione avviene nella WXW, dove lotta con il nome di Kahn, ma ben presto il giovane Batista viene notato da Jim Cornette che lo mette sotto contratto nella sua federazione, la Ohio Valley Wrestling, territorio satellite della WWE. Nella Ohio Valley Wrestling lotta sotto la gimmick di Leviathan, membro della stable dei Disciples of Synn, dove, guidati dalla manager heel Synn lottano wrestler come Travis Bane, Seven, Damien e B.J. Payne.

Nella OVW Leviathan si toglie grandissime soddisfazioni. Il 31 gennaio del 2001 si scontra, nel corso di Ovw Christmas Chaos, con una star già affermata della Wwe, Kane, da cui viene battuto in un match entusiasmante per il giovane prospetto. Alla fine del 2001, il 28 novembre, Leviathan riesce a battere il campione assoluto della Ovw, Doug Basham, conquistando il titolo della federazione di Lousville. Difende la cintura per tre mesi, anche contro wrestlers del main roster della Wwe, per poi perderla il 23 febbraio 2002, per mano di "The Prototype" John Cena. Il feud contro The Prototype continua per diverso tempo, ed è tra i più belli dell'anno nelle scene delle piccole federazioni indipendenti. Il 2 marzo 2002, nel corso di uno show speciale ad Indianapolis, Indiana, Leviathan batte Prototype per squalifica, e non conquista, quindi, il titolo e poi vince una battle royal al termine di una serata tionfale. Il 27 giugno 2002 Leviathan viene inserito in un match da sogno: in coppia con l'ex campione assoluto Wcw Diamond Dallas Page perde per squalifica contro due vere leggende come Kane & the Undertaker, the Brothers of Destruction.

Pur lottando ancora nella Ovw, Dave debutta nella World Wrestling Entertainment, con il nome di Deacon Batista, il 9 maggio 2002, interpretando il ruolo di bodyguard di Reverend D'von Dudley. La gimmick di D'von però non ha successo e Batista a molti sembra sprecato affianco all'ex Dudley Boy. Nella puntata di Smackdown! del 29 agosto, Batista attacca D'Von Dudley, abbandonandolo. Batista si scontra poi la settimana successive contro il suo mentore, sconfiggendolo dopo averlo colpito con una powerbomb.

A Smackdown!, però, non sembra esserci spazio per Batista, ed i bookers decidono di farlo trasmigrare a Raw dandogli una gimmick più consona. Nel corso della puntata del 21 ottobre va in onda un video che annuncia che "Genetic REvolution Has Begun!", cioè che "la rivoluzione della Genetica è iniziata". Il 4 novembre 2002 Batista debutta a Raw, massacrando Justin Credible. La settimana successiva, ancora uno squash, stavolta ai danni di D’Lo Brown. Il 18 novembre Batista si allea con Ric Flair, attaccando Kane nel corso dello show del lunedì; la settimana dopo i due colossi si scontrano e Batista vince sull'ex campione del mondo Wwf grazie ad un'interferenza di Flair. Il feud tra i due continua fino a Armageddon 2002, quando Batista sconfigge di nuovo Kane, sempre grazie a Ric Flair.

Le settimane che seguono sono un po' di stallo per Bastista, che il 20 gennaio viene aiutato da Ric Flair, Randy Orton, Batista & Triple H nel suo match contro Scott Steiner, che vince per squalifica. La settimana successiva, Triple H & Batista battono Kane & Rob Van Dam dopo che Batista è riuscito a strappare la maschera a Kane. Arrivano di nuovo sul ring Randy Orton e Ric Flair e viene annunciata la nascita di una nuova stable: la Evolution.

Il 2 febbraio 2003, Batista incontra Brock Lesnar in un match interpromozionale valevole per il Wwe title, venendo sconfitto. La sera successiva, a Raw, Batista e Randy Orton attaccano Goldust, gettandolo contro un quadro elettrico e creandogli seri danni cerebrali (ovviamente si tratta solo della storyline). Il primo marzo 2003, nel corso di un tag team match con Randy Orton contro i Duldey Boyz, Batista si infortuna ad un bicipite ed è costretto da un breve stop. Appena tornato, però, il primo maggio 2003, Batista si reinfortuna di nuovo allo stesso bicipite, ed è costretto ad operarsi dal dottor Dr. James Andrews. L'operazione non andrà benissimo, e Batista dovrà subire altre due operazioni, perdendo quindi parecchi mesi di azione sul ring. Nello stesso periodo, Batista vive una fase difficile della sua vita personale: la moglie Angie ha un cancro al seno e riesce a batterlo: la cosa rafforza l'unione della coppia, che sembrava sul punto di sfasciarsi. L'unica presenza di Batista ad uno show di wrestling risale all'11 luglio, quando, nel corso del WXW Sportsfest Batista effettua un run in nel corso del match tra il team di Tito Santana/Virgil/Samu contro quello di Jamal/Manu/Gary Wolfe a favore dei primi.

Il 20 ottobre 2003, Batista torna a Raw: arriva su ring nel corso del match tra Bill Goldberg e Shawn Michaels per massacrare Goldberg. Batista sembra più forte che mai, ed ottiene un match proprio contro Bill Goldberg venendo sconfitto per interferenza di Triple H: ma alla fine per Goldberg è di nuovo un massacro per l'arrivo sul quadrato dell'Evolution. Un altro massacro Goldberg lo subisce il 17 novembre, in un handicap match che vede Triple H, Randy Orton e Batista sconfiggerlo in tutti i sensi.

Batista inizia quindi un feud contro Shawn Michaels, attaccato più volte in diverse puntate di Raw. Shawn riesce a battere Batista con la sua sweet chin music ad Armageddon 2003, ma, nella stessa sera, grazie ad una invenzione di Eric Bischoff, Batista conquista il suo primo titolo nella WWE, quando, in coppia con Ric Flair, sconfigge i Dudley Boyz al termine di un turmoil match. Nella stessa serata Triple H e Randy Orton conquistano i titoli mondiale ed intercontinentale e così la Evolution ha in mano tutti i titoli di Raw.

Per Batista e Flair inizia una serie di match per la difesa dei titoli di coppia. Per due volte, di cui una durante un Tables match, sconfiggono i Dudley Boyz, poi riescono ad avere la meglio su Christian e Chris Jericho. Durante la puntata del 16 febbraio 2004 però Booker T e RVD riescono a strappare dalla vita di Batista e Flair i titoli. Due settimane dopo inizia per l'Evolution lo scontro con Mick Foley, che porterà la stable ad affrontare ( e sconfiggere) in un handicap match a Wrestlemania XX proprio Mick Foley e un'altra leggenda della WWE, The Rock.
Batista e Flair riescono a riprendersi quelle cinture perse solo un mese prima durante una puntata di Raw successiva a Wrestlemania. Il titolo cambia vita però solo un mese dopo, con la coppia canadese composta da Chris Benoit ed Edge che sconfiggono Flair e Batista. Per Batista si apre la strada verso il prestigioso titolo Intercontinentale. Il percorso però non si rivela facile, perché gli avversari sono parecchi, Chris Jericho e Edge su tutti. E’ proprio Edge, durante Summerslam, a sconfiggere sia Batista che Y2J e a mantenere il titolo, precedentemente sottratto a Randy Orton.

Su Randy Orton si abbatte la furia di Batista nella puntata di Raw successiva a Summerslam, quando il giovane membro dell'Evolution viene tradito dalla sua stable e massacrato per la sola colpa di aver vinto il titolo assoluto della WWE. Batista inizia dei brevi feud, prima contro Orton, poi contro la coppia formata da Eugene e William Regal. Ad Unforgiven la coppia formata da Benoit e Regal sconfigge Batista e Ric Flair.

Al primo ppv interattivo della storia della WWE, Taboo Tuesday, Batista si vede negata da Shelton Benjamin la possibilità di lottare per il titolo intercontinentale contro Jericho. Nella puntata di Raw successivo a Taboo Tuesday, Eric Bischoff decide di prendersi una serata di vacanza e si inizia a formare un gruppo di wrestlers face che si contrappone all'Evolution, formato da Benoit, Maven, Jericho e Orton. Le due fazioni danno vita, durante le successive puntate di Raw, a numerosi incontri, che hanno il culmine in un match quattro contro quattro alle Survivor Series, che vede di fronte il Team Orton ( Randy Orton, Chris Benoit, Maven e Chris Jericho) contro il Team HHH (HHH, Batista, Gene Snitsky e Edge). L'incontro è ricco di colpi di scena, ma Batista viene presto eliminato. Alla fine emerge vincitore della contesa il solo Randy Orton, e quindi l’Evolution risulta sconfitta.

Nelle settimane successive cominciano alcune schermaglie tra Batista ed il leader dell’Evolution, Triple H. Il 6 dicembre a Raw, nel corso di un match di coppia contro Chris Benoit e Chris Jericho, Triple H e Batista vengono squalificati quando Triple H comincia a colpire con una sedia gli avversari, ma anche, per errore, il suo compagno Batista. Il 27 dicembre, a Raw, Batista vince il diritto ad entrare per ultimo nell’Elimination Chamber Match che si sarebbe svolto a New Year’s Revolution 2005, vincendo un torneo "Beat The Clock" (ognuno dei sei partecipanti avrebbe lottato in un match contro un wrestler non inserito nell’Elimination Chamber : chi avesse vinto il proprio match in meno tempo avrebbe guadagnato l’ambito posto d’onore), sconfiggendo Rhyno in poco più di tre minuti.
Il 3 gennaio 2005, a Raw, Batista batte Chris Benoit, e sei giorni dopo non riesce a conquistare il vacante World Heavyweight Title, eliminato da Randy Orton nel corso dell’Eimination Camber match, vinto da Triple H e che vede, come altri contendenti, Chris Benoit, Chris Jericho ed Edge, con Shawn Michaels guest referee. La sera successiva, a Raw, Orton batte Batista, diventanto il nuovo primo sfidante, a causa, però, di una interferenza sbagliata di Triple H. Il 24 gennaio 2005 Batista si conquista il diritto di essere uno dei trenta partecipanti alla Royal Rumble 2005, battendo La Resistance in un handicap match, al termine del quale si toglie anche la soddisfazione di mettere l’asta della bandiera del Quebec nel fondoschiena di Rob Conway.

Nel corso del Royal Rumble match, nel corso dell’omonimo pay-per-view, Batista entra come ventisettesimo ed è uno degli ultimi due wrestlers rimasti sul ring, insieme a John Cena. I due si eliminano a vicenda contemporaneamente e non si riesce a capire chi abbia vinto. Arriva sul ring Vince McMahon, che ordina agli arbitri di far ripartire il match: pochi secondi e Batista elimina Cena, vincendo il match e la possibilità di lottare per il titolo del mondo a Wrestlemania 21. A questo punto si instilla un dubbio in Batista: lottare per il titolo del mondo di Raw o di Smackdown!? La sera successiva alla Royal Rumble, viene mandato in onda un video in cui il campione mondiale di Smackdown!, JBl afferma di essere pronto ad affrontare Batista e lo insulta. La settimana dopo è il turno di una intervista a Big Show, che spera di battere il campione di Smackdown! JBL per poi difendere il titolo a Wrestlemania 21, magari proprio contro Batista.

Il 14 febbraio 2005, un match tra Batista ed Edge termina in no contest, quando si vede arrivare nel parcheggio la limousine di JBL. Batista abbandona il ring con l’obiettivo di prendersi cura del campione del mondo di Smackdown!, ma non riesce a trovarlo. Alle sue spalle arriva la limousine che sta per investirlo, ma Triple H gli si getta addosso in modo provvidenziale salvandogli la vita. Il 17 febbraio Batista è a Smackdown! e distrugge la limousine di JBL con una mazza da baseball, per poi andare via in macchina. Il cabinet di JBL, Doug e Danny Basham e Orlando Jordan, corrono per raggiungere Batista, lasciando solo sul ring JBL, che viene assaltato da Big Show. I tre tornano indietro e si prendono cura di Big Show, finchè non arriva Batista ad effettuare il salvataggio.

A No Way Out 2005, Batista arriva sul ring alla fine del main event per salvare Big Show, assaltato dal Cabinet di JBL. La sera successiva, a Raw, Triple H confessa a Ric Flair di aver architettato lui sia la trasmissione dei video di Smackdown! nelle ultime puntate di Raw, sia il tentato omicidio tramite investimento. Non si accorge però, che Batista, fuori dalla porta, ha sentito tutto, e questi, più tardi nel corso della serata, sceglie di affrontare proprio Triple H a Wrestlemania 21, massacrando, al momento della firma, sia il suo ex mentore che Ric Flair.

Il 28 febbraio 2005, Batista è a centroring per spiegare la sua decisione al pubblico, quando viene interrotto da Triple H e Ric Flair. Triple H fa andare avanti contro Batista Flair che viene colpito con un terribile spinebuster. La settimana dopo Batista batte Flair in un match regolare. La stessa sera Eric Bischoff decide di far decidere a Triple H e Batista quale wrestler far loro affrontare a vicenda nelle settimane successive a Raw. Batista sceglie Chris Benoit per Triple H, che riesce a vincere, e Triple H sceglie per Batista Kane. Anche Batista vince il suo incontro, che per l’occasione è un lumberjack match. La resa dei conti a Wrestlemania 21 vede Batista strappare il titolo dalla vita dell’odiato avversario e laurearsi per la prima volta World Heavyweight Champion.

La sera successiva, a Raw, Batista sconfigge in un non title match Randy Orton, che sale sul ring pur ammettendo un infortunio ad una spalla. Pochi giorni dopo Batista firma un nuovo contratto quinquennale con la WWE ed afferma che, probabilmente, giacché ha già trentanove anni, si tratta del suo ultimo rinnovo. Nel corso di Raw del 18 aprile 2005, Batista aiuta il commentatore televisivo Jim Ross a battere Triple H in un No Disqualification match. La settimana successiva Batista batte Christian nonostante le interferenze di Johnathan Coachman, Triple H e Ric Flair. Batista batte di nuovo Triple H nel rematch di Wrestlemania 21, che si disputa a Backlash 2005. Nelle settimane successive Batista attende che venga stabilito il suo avversario per Vengeance 2005, attraverso una trovata di Eric Bischoff: un “Gold Rush Tournament” che decida il primo sfidante.

A causa delle ripetute sconfitte Triple H sembra abbandonare Raw, causando un riavvicinamento fra Flair e Batista. Quest'ultimo interviene addirittura il 16 maggio a salvare Flair dall'attacco di Christian e Tyson Tomko. Il 23 maggio Batista sfida il vincente del torneo, Edge, e riesce a detenere la cintura grazie all'aiuto proprio di Flair, intervenuto per dare una mano al campione che si era ritrovato a dover fare i conti anche con Christian e Tyson Tomko, intervenuti ad aiutare lo sfidante. Ma il comportamento del "Nature Boy" è tutta una finta, e quando Triple H fa il suo ingresso al termine del match, Flair colpisce con un colpo basso Batista permettendo a The Game di ridurre il campione ai minimi termini con l'aiuto del suo fedele Sledgehammer. La settimana seguente Batista sfoga tutta la sua rabbia per l'attacco subito compiendo un vero e proprio massacro ai danni di Muhammad Hassan e Daivari, perdendo così per squalifica il non title match che lo vede opposto ad Hassan.

Le divergenze tra Batista e Triple H trovano una soluzione definitive a Vengeance 2005, dove, in un Hell in a Cell, Batista vince per il terzo pay-per-view di fila. Il 30 giugno 2005, a Smackdown! JBL batte Christian, Undertaker, Booker T, Chris Benoit e Muhammad Hassan in un 6 way match e pensa di aver vinto il nuovo Smackdown! Title, che dovrebbe sostituire il WWE Title, passato a Raw con il suo detentore, John Cena. A fine match, però, il General Manager Theodore Long appare sulla rampa di accesso al ring e rivela che JBL ha solo vinto il titolo di primo sfidante al World Heavyweight Title di Batista, appena passato nello show blu. La settimana successiva, Batista batte Christian e la settimana ancora successiva Orlando Jordan. Prende quindi quota il suo feud con JBL, che sfocia in un match a WWE Great American Bash, che JBL vince per squalifica. Tra i due viene sancito un rematch per Summerslam, che stavolta vede la vittoria, pulita, di Batista in un Bull Rope Match.

Il 16 settembre 2005, a Smackdown!, Eddie Guerrero viene nominato nuovo primo sfidante al titolo di Batista. Eddie arriva subito sul ring e dice a Batista che non c’è alcuna ragione per cui loro due non possono diventare migliori amici. Nella stessa serata Batista batte il Cruiserweight Champion Nunzio in un "Champion vs Champion" match. Il 23 settembre 2005, Batista e Eddie Guerrero battono in coppia gli MNM. Batista fa tutto il lavoro, ma alla fine è Eddie ad effettuare il pinfall vincente nonostante per tutta la serata abbia lamentato di stare male. La settimana successiva, un match tra Batista & Eddie ed il Legion of Doom termina in no-contest quando gli MNM interferiscono. Nel post-match Eddie colpisce accidentalmente Batista con una sedia, poi la passa a Mercury, facendo credere a Batista che sia stato il membro degli MNM a colpirlo.

Il 3 ottobre 2005, Eddie è a Raw, per la puntata del ritorno dello show su Usa Network denominata “Raw HomeComing”. Però, il match tra Batista, Chris Benoit e Rey Mysterio contro John Layfield, Eddie Guerrero e Christian viene cancellato da Eric Bischoff che non vuole interferenze di Smackdown! Nel proprio show. A fine serata, i wrestlers di Smackdown! si vendicano scatenando una rissa con i lottatori di Raw. IL match previsto per quella sera va in onda nella puntata di Smackdown! del 7 ottobre e sono i face a vincere.

Il 9 ottobre 2005, a No Mercy, Batista batte Eddie Guerrero e mantenere il World title. A fine match i due lottatori si stringono la mano in segno di rispetto. Batista ed Eddie cominciano allora a fare coppia fissa sul ring. Il 21 ottobre a SD!, Batista ed Eddie Guerrero vs Randy Orton & Mr. Kennedy termina in No Contest, mentre la settimana dopo un six men match tra Batista & Eddie Guerrero & Roddy Piper contro Randy Orton & Bob Orton & Ken Kennedy termina con la vittoria dei face. Il 31 ottobre 2005, a Raw, The Coach sfida qualsiasi wrestler di Smackdown! ad affrontarlo a Taboo Tuesday. Arriva Batista che accetta la sfida ed attacca The Coach ed il suo bodyguard Goldust finché Vader non fa il suo ritorno alla WWE, distruggendo il campione del mondo di Smackdown!. Il primo novembre 2005 Batista, a Taboo Tuesday, batte Johnathan Coachman, nonostante le interferenze di Goldust e Vader in uno Street Fight Match.

Il 4 novembre 2005, a Smackdown!, gli MNM battono Batista & Eddie Guerrero grazie ad una interferenza di Melina, mentre la settimana successiva un match tra Batista ed Edge, superstar di Raw, termina in no-contest dopo diverse interferenze, tra cui quelle di Kane e Big Show, che alla fine eseguono un double-choke-slam-from-hell sul ring su Batista, che si infortuna. Dovrebbe rendere vacante il titolo, ma il 18 novembre 2005 Eddie Guerrero viene trovato morto nella sua stanza d’albergo. La sera stessa si registra uno show di tributo all’amico e Batista, visibilmente emozionato, esegue un promo in ricordo di Guerrero e dopo pone la sia cintura di campione mondiale sulla low-rider simbolo di Eddie. Impossibile per Batista lasciare lo show blu ora che uno dei suoi main eventers se ne è andato: decide allora di stringere i denti e di continuare a lottare, anche per non perdere il suo posto di primo piano nella federazione.

Il 21 novembre 2005, a Raw, i team dei due roster che si scontreranno alle Survivor Series, hanno una rissa nel backstage e Batista subisce un potente chokeslam sul cofano di un automobile. A fine show, un infortunato Batista arriva sul ring per attaccare con una sbarra di ferro Kane e Big Show. Il 25 novembre 2005 a Smackdown!, un match tra Batista e Randy Orton finisce in no-contest quando fuori dal ring scatta una rissa con i wrestlers di entrambi gli show. Nel corso della rissa, Big Show e Kane distruggono Batista effettuando un chokeslam su di lui sul tavolo dei commentatori. Alle Survivor Series il Team Smackdown! batte poi il Team RAW in un elimination match, con Randy Orton solo sopravvissuto. Batista, infortunato, viene ben presto eliminato.

Il 2 dicembre, Big Show e Kane battono John Bradshaw Layfield e Rey Mysterio quando JBL lascia Rey solo sul ring. Kane e The Big Show distruggono Rey Mysterio finchè non arriva Batista ad effettuare il salvataggio. La settimana dopo, Batista e Rey Mysterio battono John Bradshaw Layfield & Orlando Jordan. Il 16 dicembre, Melina Perez concede le sue grazie a Batista per convincerlo a cancellare il suo match contro gli MNM previsto più tardi nella serata. Batista accetta e fa sesso con Melina, poi distrugge gli MNM in un match con Rey Mysterio, vincendo i WWE Tag Team titles. Il 18 dicembre, ad Armageddon, The Big Show & Kane battono Batista e Rey Mysterio. Il 30 dicembre Melina annuncia di aver denunciato Batista per molestie sessuali, e, più tardi, gli MNM battono Batista e Mysterio riprendendosi i titoli, grazie ad una interferenza di Mark Henry.

L’8 gennaio 2006, nel corso di un house show, Batista viene infortunato da Henry ad un tricipite ed è costretto a rendere vacante il suo titolo nei giorni successivi, con un accorato promo a Smackdown!. Il 12 gennaio si sottopone ad un intervento chirurgico effettuato dal dottor Jeffrey Dugas che si risolve in un successo. Batista fa una apparizione speciale a No Way Out 2006, poi resta parecchi mesi lontano dal ring e torna a Smackdown! solo il 7 luglio, quando coglie l’occasione per massacrare Henry. Batista lotta sette giorni dopo a Saturday Night’s Main Event, insieme a Rey Mysterio e Lashley, battendo King Booker, Finlay a Mark Henry. Lo scontro finale tra Batista e Henry, però, non avviene mai: Mark, infatti, si infortuna poco prima del loro match a Great American Bash e viene rimpiazzato da Mr. Kennedy, che viene massacrato da Batista, ma vince per squalifica perché Batista è troppo violento.

Kennedy vince un’altra sfida contro Batista il 28 luglio a Smackdown!, stavolta per countout, mentre, il primo agosto, Batista esordisce alla ECW battendo Big Show per qualifica, tra i fischi dei fans newyorchesi che per tutto il match intonano cori contro i due. Il 4 agosto, finalmente, Batista batte Kennedy e poi dice al mondo di voler tornare in possesso del World Title. Inizia quindi un lungo feud tra lui e la stable capitanata di King Booker, che vede anche la presenza di Finlay e William Regal. Nel corso delle settimane gli uomini di Booker costringono Batista a baciare il “piede regale” del loro leader e Batista si vendica sconfiggendo King Booker a Summerslam. Purtroppo la vittoria arriva solo per squalifica, a causa di una interferenza di Queen Sharmell e Booker resta campione mondiale.

L’8 settembre, a Smackdown!, nel corso di un rematch, Booker batte Batista grazie all’aiuto di William Regal e dopo il match Finlay massacra Batista a colpi di shillelagh. Inizia quindi un feud tra i due, che si affrontano anche a No Mercy nel corso di un fatal four way match valevole per il titolo mondiale, insieme al campione King Booker e Lashley: il match viene vinto da King Booker. Il 13 ottobre Batista torna ad essere il primo sfidante battendo Lashley e Finlay, ma non riesce a sfruttare la nuova opportunità la settimana successiva, quando vince il match contro King Booker per squalifica, ancora a causa di alcune interferenze. Il 27 ottobre Batista fa coppia con John Cena, sempre a Smackdown! e batte King Booker e Big Show. Nelle settimane successive viene annunciato un ultimo e definitivo scontro tra Booker e Batista a Survivor Series 2006: l’ultima opportunità per Dave di conquistare la tanto ambita cintura di campione, che la sfrutta a dovere tornando sulla vetta del roster di Smackdown!.

Nelle settimane successive Batista difende vittoriosamente il titolo contro Finlay e King Booker e, in coppia con John Cena, batte entrambi i suoi oppositori ad Armageddon 2006. Il 28 gennaio 2007 Batista si sbarazza facilmente di Mr. Kennedy, per poi iniziare un feud contro il vincitore della Royal Rumble, Undertaker. Tra febbraio e marzo i due contendenti sono soprattutto protagonisti di molti segmenti extra-ring, ma lottano anche insieme: il 16 febbraio battono, infatti, Edge e Randy Orton a Smackdown!, mentre due sere dopo vengono sconfitti, a WWE No Way Out, da Shawn Michaels e John Cena quando Batista attacca The Undertaker, colpendolo con una poderosa spinebuster. Il 26 marzo Undertaker e Batista battono Shawn Michaels e John Cena nel rematch di No Way Out, dove le parti si invertono: Undertaker abbandona Batista, che riesce a schienare comunque John Cena, quando questi viene colpito a tradimento dal suo partner Shawn Michaels. Il 30 marzo Undertaker e Batista hanno una rissa nel ring di Smackdown! e due giorni dopo Batista viene sconfitto dal Becchino in un match bellissimo e perde il titolo di campione del mondo dei pesi massimi.

Il 6 aprile 2007 a Smackdown! Batista chiede un rematch al neocampione mondiale. L’incontro avviene a Backlash e si tratta di un Last Man Standing che termina in pareggio quando Batista esegue una spear su Undertaker ed entrambi cadono in un groviglio di cavi dell’elettricità. L’11 maggio 2007 a Smackdown! uno steel cage match tra i due finisce pure in pareggio. Poco dopo Undertaker perde il titolo a favore di Edge, il quale inizia un feud proprio contro Batista. I due si scontrano a WWE Judgment Day 2007, dove Edge ha la meglio. Stessa fine il mese successivo: a WWE One Night Stand Edge batte Batista in uno steel cage match. A Vengeance si tiene un “last chance match”, ma di nuovo Edge batte Batista, che non potrà più avere opportunità al titolo mondiale finchè Edge sarà campione.

Batista inizia quindi un feud contro The Great Khali, che, il 20 luglio vince il titolo mondiale in una battle royal a Smackdown!. The Animal, quindi, rientra nell’orbita del titolo mondiale, ma il 22 luglio a Great American Bash Khali mantiene il titolo in un three way match, battendo Batista e Kane. Il feud tra Batista e Khali prosegue per diverse settimane e giunge fino a Summerslam quando Khali si fa intenzionalmente squalificare nel suo match contro Batista per tenere in vita la cintura. Ad Unforgiven nuova occasione per Batista, che affronta Khali e Rey Mysterio in un three way match valevole per il titolo mondiale di Smackdown!: Batista riesce a schienare il gigante indiano e a laurearsi di nuovo campione. Il mese successivo, a No Mercy, Khali sfida Batista, che lo sconfigge in un Punjabi Prison Match, mantenendo il titolo. A Cyber Sunday, invece Batista affronta Undertaker in un match con Steve Austin come arbitro speciale e lo sconfigge.

Il 2 novembre, a Smackdown!, Batista offre un rematch ad Undertaker, che rilancia proponendo un Hell in a Cell match. Nelle settimane seguenti Undertaker e Batista lottano in coppia e vincono due match su due. Il 16 novembre Dave sconfigge Mark Henry in un match non titolato e due sere dopo, a Survivor Series, vince l’Hell in a Cell match contro Undertaker, detenendo il titolo mondiale grazie ad una interferenza di Edge, che si era camuffato da cameraman e si era introdotto all’interno della gabbia d’acciaio. Il 30 novembre un match tra Batista ed Edge termina in no contest quando Undertaker interferisce. Sette giorni dopo, alla fine dello show, Batista effettua per errore una spear su Undertaker mentre cerca, invece, di colpire Edge. Il 10 dicembre 2007, durante lo show per festeggiare il quindicennale di Raw, Triple H, Batista e Ric Flair sconfiggono Randy Orton, Edge ed Umaga.

Il 16 dicembre 2007, a WWE Armageddon, Edge sconfigge Batista ed Undertaker in un three way match e vince il titolo mondiale grazie all’aiuto decisivo di Brian e Brett Major. Cinque giorni dopo, a Smackdown!, Batista sconfigge Edge ed i Major Brothers in un handicap match e conquista il titolo, ma arriva la General Manager dello show Vicki Guerrero che annuncia che il titolo, invece, non cambierà mano. Nelle settimane successive Batista batte i Major in un handicap match e Mark Henry, poi, nel corso del Royal Rumble match 2008, Batista arriva fino in fondo: è il terzultimo eliminato, buttato fuori da Triple H. Il mese dopo Batista prende parte ad un Elimination Chamber a No Way Out, valido per un title match a Wrestlemania 24, ma la vittoria arride ad Undertaker, che sconfigge, oltre Batista, MVP, Big Daddy V, The Great Khali e Finlay. Così, allo Showcase of Immortals, Batista viene relegato ad un match di minore importanza contro Umaga, che viene facilmente sconfitto.

La sera dopo Wrestlemania 24, a Raw, Batista prende parte alla cerimonia per salutare Ric Flair, ritiratosi la sera precedente. Batista ben presto se la prende con Shawn Michaels, che, battendo Flair al Grandaddy of Them All, lo ha costretto ad appendere gli stivali al chiodo. I due si scontrano a Backlash: Shawn sconfigge Batista in un grudge match arbitrato da Chris Jericho. Michaels esce da un Batista Bomb, si fa male ad un ginocchio e poi va a segno con un superkick. Per questo, la sera dopo, a Raw, Jericho afferma che Michaels ha finto un infortunio e crea ancora più tensione tra lui e Batista. Con il passare delle settimane Michaels confessa di aver finto e se la prende con Jericho: a Judgment Day Shawn batte Chris ma nel backstage viene avvicinato da Batista che gli comunica che lo infortunerà veramente, ma sceglierà con attenzione il luogo ed il momento. Batista e Michaels sono ancora una volta faccia a faccia a WWE One Night Stand: Batista vince uno stretcher match via Batista Bomb.

Il 6 giugno 2008 a Smackdown! Batista, insieme a Funaki, Colin Delaney e Nunzio, sconfigge Edge, Chavo Guerrero e gli Edgeheads, vincendo il diritto ad affrontare Edge per il titolo mondiale in suo possesso. Tuttavia, la title shot viene messa in discussione la settimana successiva e Batista se la deve riconquistare sconfiggendo Great Khali. Il 20 giugno, a Smackdown!, Chavo Guerrero batte Batista via count out in un match arbitrato da Edge, che ovviamente parteggia per Chavo. Il 23 giugno 2008 Batista passa da Smackdown! a Raw nel corso dell’annuale draft ma viene confermato il suo diritto ad avere una chance al World Heavyweight title. Nel suo match di addio allo show blu, il 27 giugno, Batista sconfigge Umaga ma poi viene assaltato da Edge e da La Familia, finchè non arriva Triple H a salvarlo. Il 29 giugno 2008 Batista fallisce l’assalto al titolo: a WWE Night of Champions la vittoria arride ad Edge. La sera successiva, a Raw, Batista distrugge Edge, che, esanime al tappeto, viene sfidato da CM Punk, che sfrutta il suo titolo di “Mr. Money in the Bank” ed in pochi secondi porta a casa la cintura di campione.

Batista diviene ben presto il primo sfidante di Punk, ma il 20 luglio 2008, a Great American Bash, fallisce l’assalto alla cintura, poiché il loro match finisce in no contest dopo una interferenza di Kane. Il 21 luglio Punk batte Batista a Raw e mantiene il World Title. “The Animal” sposta, quindi, il suo obiettivo quando, il 28 luglio il neo General Manager di Raw Mike Adamle annuncia che a Summerslam affronterà John Cena. Si tratta di un dream match, che però si svolge con sole tre settimane di anticipo. A vincere il match, combattutissimo, è proprio Batista.

Dopo Summerslam Batista continua la sua striscia positiva, sconfiggendo Kane in un breve feud. Il 7 settembre, ad Unforgiven, Batista prende parte ad uno Scramble match valevole per il titolo mondiale di Raw, che viene, però, vinto da Chris Jericho. La sera successiva Batista ha la sua chance contro il neocampione ma il match termina in no-contest quando il GM Adamle lo trasforma in un handicap match: a Jericho si affianca JBL ed i due sconfiggono Batista. Nelle settimane successive, a Raw, Batista è impegnato in match di profilo più basso, finchè, il 5 ottobre 2008 a No Mercy Batista sconfigge JBL in un match valevole per decretare il nuovo primo sfidante. Jericho, quindi, cerca di ostacolare Batista nella sua strada verso il titolo. Il 13 ottobre organizza un lumberjack match tra Batista e Shawn Michaels, che termina in no contest quando tutti i wrestler a bordoring assaltano i due contendenti, che però riescono ad avere la meglio. Nella stessa serata, Batista, da guest referee, aiuta CM Punk a sconfiggere Jericho. Il 26 ottobre a Cyber Sunday Batista affronta Jericho in un match con Steve Austin arbitro speciale e vince la cintura. La sua gioia, però, dura poco: Chris Jericho, infatti, rivince il titolo il 3 novembre nel corso di uno Steel Cage match.

Batista inizia, quindi, un feud con Randy Orton. Il 10 novembre 2008 sconfigge Cody Rhodes, scagnozzo di Randy e sette giorni dopo un altro membro della Legacy, Manu. Il 23 novembre 2008 alle Survivor Series, il Team di Orton sconfigge il Team di Batista quando Orton e Rhodes sono gli unici due sopravvissuti. Il 24 novembre a Raw Jericho sconfigge Orton e Batista in un three way match e sette giorni dopo Batista batte Dolph Ziggler. L’8 dicembre Orton, Rhodes e Manu battono Triple H e Batista. Il 14 dicembre ad Armageddon Batista sconfigge Orton in un Grudge match. La sera successiva John Cena e Batista sconfiggono per squalifica l’intera Legacy. Dopo il match Orton colpisce con un calcio alla testa Batista. Secondo la storyline, Batista è costretto a restare fuori dal ring a causa della terribile azione del suo avversario, in realtà ha subito un infortunio muscolare ed è costretto ad operarsi. Batista rientra a Raw il 6 aprile 2009, aiutando Triple H nel suo feud contro la Legacy. Il 13 aprile Triple H, Batista e Shane McMahon sconfiggono Cody Rhodes e Ted DiBiase. Il 17 aprile a Smackdown Batista batte DiBiase molto facilmente. Il 20 aprile Batista continua la sua striscia positiva sconfiggendo Chavo Guerriero. Il 24 aprile Batista e Shane McMahon vincono contro DiBiase e Rhodes. Due sere dopo, a Backlash, Orton, Rhodes e DiBiase sconfiggono Triple H, Batista e Shane McMahon quando Orton schiena Triple H vincendo il titolo mondiale.

Il 27 aprile 2009 a Raw Batista sconfigge Big Show in un match valido per stabilire il nuovo primo sfidante. Così Batista prosegue il suo feud con la Legacy e a Judgment Day non riesce a sfruttare la sua title shot quando Orton si fa squalificare, mantenendo la cintura. Nel post match Batista viene colpito ripetutamente da tutti i membri della stable avversario, finchè giunge a sorpresa Ric Flair per salvarlo. Nelle settimane seguenti viene stabilito che a WWE Extreme Rules si terrà un rematch, in cui Batista batte Randy Orton in uno Steel cage match e conquista il WWE Championship. Batista tuttavia si è infortunato seriamente e deve operarsi ad un bicipite. Per questo motivo, l’8 giugno 2009 a Raw va in scena un angle in cui Orton e la Legacy gli spezzano un braccio costringendolo ad uno stop. Il giorno dopo Batista si opera. Torna sul ring di Raw come guest host il 29 giugno, punendo Orton facendogli affrontare in sequenza Evan Bourne, Jack Swagger e Mark Henry.

Il 14 settembre Batista è ormai guarito e torna a Raw. Tuttavia afferma di avere ancora problemi: è solo un trucco, un mind game prima di affrontare e sconfiggere Randy Orton in un No Holds Barred match. E’ il suo ultimo incontro come wrestler dello show rosso: quattro giorni dopo Batista è a Smackdow e al suo debutto sconfigge Chris Jericho. Sette giorni dopo è il turno di Big Show e dopo un’altra settimana tocca a Kane. Il 4 ottobre 2009 a WWE Hell in a Cell Batista prova l’assalto ai titoli mondiali di coppia insieme a Rey Mysterio ma il duo viene sconfitto da Chris Jericho e Big Show. Il 9 ottobre a Smackdown Batista viene sconfitto via count-out da CM Punk e sette giorni dopo incassa un’altra sconfitta contro Rey Mysterio ma i due, alla fine dell’incontro, si stringono la mano. Il 23 ottobre Batista e Rey Rey sconfiggono Chris Jericho e Kane. Il 25 ottobre a WWE Bragging Rights Batista è nel match valido per il titolo mondiale di Smackdown che lo vede opposto al campione Undertaker, a CM Punk e a Rey Mysterio. Vince Undertaker ma dopo il match Batista dà la colpa per la sua sconfitta a Rey Mysterio, che viene brutalmente massacrato. I due si affrontano a Survivor Series e Batista vince facilmente. Alla fine del match Mysterio deve essere portato via in barella.

Batista va quindi all’assalto del titolo mondiale: il 27 novembre si guadagna il titolo di primo sfidante sconfiggendo Kane. La settimana seguente Batista attacca a tradimento il campione Undertaker mentre l’11 dicembre Batista distrugge Rey Mysterio in uno street fight ma alla fine del match viene attaccato da Undertaker. La resa dei conti è il 13 dicembre a WWE TLC, quando Undertaker batte Batista in un chairs match. Il 18 dicembre, a sorpresa, Rey sconfigge Batista e diventa il nuovo primo sfidante. Il 25 dicembre Undertaker sconfigge Rey per squalifica a causa di una interferenza di Batsta. Il primo gennaio Batista non riesce a tornare primo sfidante perché non migliora il tempo di Rey Mysterio in un Beat the Clock Challenge. Batista, infatti, sta per sconfiggere in tempo utile R-Truth ma Rey tira via l’arbitro all’ultimo secondo. Vicki Guerrero decide quindi di sancire un match tra Rey e Batista in un nuovo match per decretare il primo sfidante. L’8 gennaio il match termina in no contest quando entrambi vengono attaccati da Undertaker.

Il 15 gennaio Mysterio diventa di nuovo primo sfidante sconfiggendo Batista in uno steel cage match. Il 31 gennaio Batista è il trentesimo uomo ad entrare nella Royal Rumble ma viene eliminato per terzultimo. La sera successiva Batista è a Raw ed attacca Bret “Hitman” Hart su ordine di Vince McMahon. Visto che Hart è difeso da John Cena nasce un feud tra i due. Nelle settimane seguenti Batista si comporta in maniera strana: rifiuta di lottare, si presenta sul ring ma non parla, non vuole affrontare Cena di persona. Il 19 febbraio a Smackdown un match tra lui ed Edge termina in no contest ed il 21 al PPV Elimination Chamber non è nella card. Tuttavia, alla fine dell’Elimination Chamber match di Raw Vince McMahon ordina al vincitore John Cena di affrontare subito “The Animal” che ha gioco facile con un esausto Cena e lo sconfigge in trenta secondi, vincendo il WWE Championship.

Il 22 febbraio 2010 a Raw John Cena sconfigge Batista per squalifica e guadagna il diritto ad affrontarlo per il titolo a Wrestlemania 26. Un mese dopo la vittoria arride a Cena, che si riprende la cintura ma il feud non si è ancora concluso. Il 5 aprile 2010 a Raw il guest host David Otunga mette in coppia Cena e Batista per fare loro affrontare The Miz e Big Show, i quali vincono per count out proprio quando Batista lascia da solo Cena. Più tardi nel corso della serata The Miz e Big Show battono Cena ed Otunga quando è Otunga a lasciare solo il bostoniano. Alla fine del match arriva sul ring Batista che annuncia un nuovo scontro tra i due a WWE Extreme Rules in un Last Man Standing match. Il match vede Cena vincere dopo aver legato le gambe di Batista attorno al turnbuckle, impedendogli di rialzarsi al conto di dieci.

Il 26 aprile 2010 a Raw Batista sconfigge Randy Orton e Sheamus tornando primo sfidante per il titolo e la settimana dopo batte agevolmente Daniel Bryan. Nelle settimane seguenti Batista vuole dimostrare tutta la sua potenza, distruggendo per ben due volte Mark Henry ed assalendo Cena, che si prende la sua rivincita a WWE Over the Limit, quando mantiene il suo WWE Championship in un I Quit match. La sera seguente, a Raw, Batista annuncia di essere stufo della WWE ed abbandona la compagnia. Inizia, quindi, a lavorare per lanciarsi sia nelle MMA che in una carriera di attore ma non riesce a raggiungere il suo intento.

Il 6 ottobre 2012 debutta nelle MMA, sconfiggendo Vince Lucero per KO tecnico al primo round del main event di CES MMA: Real Pain. La sua nuova carriera, però, si ferma qui ed il 20 gennaio 2014 torna nella WWE. Batista va subito a muso duro con il suo vecchio rivale, nonché WWE World Heavyweight Champion in carica Randy Orton, promettendo di vincere la Royal Rumble e diventare campione del mondo WWE a Wrestlemania 30 e poco dopo ha un alterco con Alberto Del Rio, reo di aver sparato a zero su “The Animal” qualche settimana prima del suo rientro: Batista atterra Alberto Del Rio con una Batista Bomb e inizia una faida con il lottatore messicano senza però distogliere l'attenzione dal vincere la Royal Rumble e diventare nuovo WWE World Heavyweight Champion a Wrestlemania 30.

Batista mantiene la promessa alla Royal Rumble, entrando per terz'ultimo nel tradizionale Royal Rumble match ed eliminando Roman Reigns per ultimo si guadagna un posto nel main event di Wrestlemania 30, il pubblico presente però reagisce male alla vittoria di Batista, incitando a gran voce, anche al termine della Rumble, Roman Reigns, seppur sia un heel. Nelle settimane seguenti, Batista viene fischiato pesantemente nelle arene durante il prosieguo del suo feud contro Alberto Del Rio. I due si scontrano ad Elimination Chamber ed è Batista ad avere la meglio.

Il pubblico non vuole sapere di lui come top face della compagnia, dunque Batista esegue un heel turn nell'edizione di Smackdown del 28 febbraio sconfiggendo Dolph Ziggler , sostenendo prima del match di non essere tornato in WWE per farsi apprezzare, ma soltanto per diventare il prossimo WWE World Heavyweight Champion. Batista però non riesce a mantenere la promessa a Wrestlemania 30 in quanto cede alla morsa della Yes Lock di Daniel Bryan, e la sera successiva, dopo essersi fatto squalificare di proposito insieme a Randy Orton nel match valevole per i titoli di coppia WWE contro gli Usos, attacca il nuovo campione del mondo WWE Daniel Bryan prima del suo match contro Triple H, favorendo così il suo vecchio mentore. Tuttavia, Batista ha la peggio a fine serata, visto che viene messo KO dall'intervento dei membri dello Shield.

Batista si lascia poi convincere da Triple H nel riformare l'Evolution per contrapporsi ai membri dello Shield. Batista, insieme a Triple H e Randy Orton, affronta lo Shield a Extreme Rules e Payback, ma viene sconfitto in entrambi i pay-per-view. Nell'edizione di Raw del 2 giugno, Batista chiede a gran voce un match per il WWE World Heavyweight Championship, Triple H però glielo nega e di conseguenza Batista lascia nuovamente la WWE per poi dedicarsi alla sua carriera cinematografica: prima il tour di presentazione di “I Guardiani Della Galassia”, film prodotto dalla Marvel Studios e distribuito da Walt Disney, dove Batista interpreta “Drax il Distruttore”, poi le riprese del remake del film “Kickboxer” , dove recita il ruolo di “Tong Po”.

Realizzazione a cura di Michele M. Ippolito, Andrea Perlini e Matteo Soldo

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE