TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 17.10 WWE Smackdown Report
 16.10 WWE Raw Report
 16.10 BOUND FOR GLORY 2018 REPORT
 15.10 Wrestling Cafe
 14.10 WWE Planet
 15.10 Impact Wrestling Report
 15.10 Lucha Underground Report
 
 













 
 
 
HOT ROD! - PROGRESS CALLING  
by Roberto Vacca
 


Bentornati allappuntamento con Hot Rod!, la rubrica che si addentra nel lato pi pop del wrestling e questo mese appuntamento un po diverso dal solito, visto che lasceremo i nostri abituali sentieri storici per concentrarsi sullo show indipendente pi importante di sempre tenutosi in Europa, vale a dire Hello Wembley della PROGRESS, tenutosi alla Wembley Arena di Londra lo scorso 30 settembre.




Quando a giugno, per il mio compleanno, la mia fidanzata mi ha regalato i biglietti per lo show della PROGRESS ero davvero elettrizzato perch la federazione inglese unisce due tra le mie pi grandi passioni, vale a dire il wrestling e la musica punk. Per chi non la conoscesse la PROGRESS nasce nel 2011 a Londra per volont di Jim Smallman e Jon Briley, amanti dello strong-style, tipico della lotta giapponese, e del punk; lanno successivo si un al duo lattore professionista Glen Joseph. La federazione, nata con il dichiarato obiettivo di valorizzare e lanciare sul mercato mondiale talenti britannici ed europei, cerc subito di unire il lato pop della musica e delle sottoculture britanniche a quello del wrestling, organizzando spettacoli per lo pi in storiche arene celebri per i concerti della scena underground, come lElectric Ballroom ed il The Garage, oltre che show in importanti festival musicali. La PROGRESS divent sempre pi celebre al punto da collaborare dal 2016 con la WWE.
Con tutte queste premesse potete ben capire le mie enormi aspettative per levento di Londra. Innanzitutto la suggestione del posto: siamo vicini allo Wembley Stadium, patria del calcio mondiale, ed entrare allArena osservando larco dello stadio ha un fascino tutto particolare.
Started From The Bottom, Now We're Here lo slogan della PROGRESS ed quanto mai azzeccato. Partiti da unarena di 350 paganti, ora sono riusciti a portare quasi 5 mila fans a Wembley; in pratica, utilizzando un paragone calcistico, sono partiti dalla Non-League, per arrivare in meno di sette anni in Premier League. Ovviamente, come da prassi in Inghilterra, lorganizzazione praticamente perfetta (evitiamo paragoni su come invece siano organizzati in Italia gli show di wrestling e non solo, perch il confronto sarebbe impietoso per noi) e quindi ci fiondiamo subito al merchandising, che per stile ricorda quello di un concerto rock. Del resto la PROGRESS da sempre basa il suo materiale sul ricalcare grafiche di gruppi punk e metal, come per esempio Clash o Black Flag. Ci prendiamo poi una pinta al bar e osserviamo il pubblico affluire: notiamo un numero davvero considerevole di donne (per la gioia della mia fidanzata che certo non si sentiva cos una mosca bianca), di punk, di metallari, di tifosi di calcio insomma, un pubblico ben diverso da quello degli spettacoli WWE.
Prendiamo posto sulle gradinate per il pre show, che una classica battle royal allo scopo di scaldare il pubblico, vinta da Chuck Mambo tra il tripudio generale. Dopo una breve pausa ha inizio lo show vero e proprio, con il gruppo metal/hardcore degli Wars che suona il loro singolo Little Death, che il preludio del primo incontro, che un vero e proprio evento, visto che si tratta dellultimo match nelle indies di Matt Riddle prima di approdare in WWE. Dopo uno stupendo incontro Riddle viene sconfitto da Mark Haskins e ora lo vedremo a NXT, sperando che a Stamford non rovinino un personaggio potenzialmente straordinario.
Spazio poi al wrestling femminile con Jinny che difende con successo il titolo contro Toni Storm e Millie McKenzie, venendo poi attaccata a fine match da Jordynne Grace. Incontro molto solido con un pubblico particolarmente coinvolto.
Spazio poi ad uno dei volti pi conosciuti della federazione, quel Trent Seven che ha gi vinto anche il titolo tag team a NXT insieme a Tyler Bate. Seven conquista il PROGRESS Atlas Championship, sconfiggendo Doug Williams e la stipulazione prevedeva il ritiro di questultimo in caso di sconfitta. Termina cos la lunga carriera dellex TNA, iniziata nel 1993, e i fans lo celebrano con tutti gli onori, in unatmosfera davvero commovente.
La prima parte dello show si chiude con il botto con lo scontro tra uno degli uomini simbolo della PROGRESS, Jimmy Havoc, e Paul Robinson. Il match una violenta rissa senza squalifiche, che vede prevalere Havoc, mandandoci tutti felici a sgranchirci le gambe e a berci una birra.
Si riparte dopo un quarto dora con il pi classico degli spot fest: un Tornado Tag Match per i PROGRESS Tag Team Championship, vinto dagli Aussie Open. Per ricollegarsi a quanto sia forte il legame della compagnia londinese con la cultura pop basti pensare a Flash Morgan Webster, The Modfather, il cui personaggio si ispira alla sottocultura mod, quella del film Quadrophenia per intenderci. Vero anti eroe della contesa Zack Gibson, vincitore del secondo WWE United Kingdom Championship, capace di farsi odiare in una maniera davvero convincente, da bravo cittadino di Liverpool.
Si entra quindi nella fase caldissima dello show con una prima assoluta: lNXT UK Champion Pete Dunne affronta il russo Ilja Dragunov, che viene presentato in stile Ivan Drago, con tanto di bandiere sovietiche. Anche se la cosa pu suonare datata devo ammettere che funziona ancora benissimo (lo so, sono un figlio degli anni 80) e parte del pubblico tifa persino per lui. La contesa di quelle che si ricordano, con un finale in crescendo che porta entrambi vicini alla vittoria; alla fine trionfa Dunne, ma i due sul ring si scambiano occhiate di rispetto.
Non si fa in tempo nemmeno a tirare il fiato che ci aspetta il Derby gallese tra gli ex amici Eddie Dennis e Mark Andrews: un epico TLC match con in palio una title shot al titolo massimo. A prevalere Dennis, ma a trionfare chi pu assistere a tutto questo.
Siamo gi oltre le cinque ore di spettacolo (ma che spettacolo!), ma ora ci aspetta il main event per il PROGRESS World Championship: il primo NXT Champion Tyler Bate tenta di strappare il titolo al colosso austriaco Walter, che entra accompagnato dal suono di due violini, dando allatmosfera un tono assai marziale e suggestivo. Il pubblico quasi equamente diviso e Bate va davvero molto vicino al titolo, ma alla fine deve cedere allo strapotere fisico di Walter.
Il pubblico lascia la Wembley Arena visibilmente soddisfatto da uno show che difficilmente dimenticher, perch non possibile non portare rispetto per una compagnia che realmente partita dal basso per ritagliarsi uno spazio importante in questo business.
E noi, osservando larco di Wembley, torniamo in hotel un po provati ma felici, consapevoli di aver preso parte ad un pezzo di storia di wrestling europeo.
Appuntamento al mese prossimo con Hot Rod!.
I have wined and dined with kings and queens and Ive slept in alleys and dined on pork and beans.




Tutte le news sul tuo account Facebook con un LIKE! CLICCA QUI
Segui Tuttowrestling.Com sulla nostra pagina Twitter: @Tuttowrestling



Al momento non ci sono commenti

   

Questo sito non in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono propriet delle rispettive federazioni.
Copyright 2018 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n 08331011000

Cambia le Impostazioni Privacy

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE