TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 20.5 MONEY IN THE BANK 2019 REPORT
 19.5 Wrestling Cafe
 19.5 WWE Main Event Report
 19.5 Impact Wrestling Report
 18.5 WWE Planet
 18.5 Bet on him - BET ON... THE ALTERNATIVES TO WWE
 18.5 WWE NXT UK Report
 
 







 
 
 
HOT ROD! - THE NEXT BIG FACE  
by Roberto Vacca
 


Bentornati allappuntamento mensile con Hot Rod!, la rubrica che vi porta direttamente nel lato pop del wrestling. E chi pi popolare del volto per eccellenza della WWF/WWE? Come si arriva alla sua scelta, quali sono i fattori che fanno diventare un volto, il volto? Ne parliamo oggi!




Nel 1963 Vincent J. McMahon, figlio del capostipite della famiglia Jess (organizzatore di boxe prima, di wrestling poi), insieme al socio Toots Mondt, prese la decisone di staccarsi dalla NWA per creare la World Wide Wrestling Federation, nota con lacronimo di WWWF. Il primo campione della federazione e luomo sul quale si pensava di puntare fu The Nature Boy Buddy Rogers, in grado, grazie al suo carisma, di farsi odiare dal pubblico. Non sappiamo se la WWWF avesse intenzione di puntare a lungo su Rogers come volto della federazione, visto che i suoi problemi al cuore gli fecero ben presto perdere il titolo a favore di Bruno Sammartino. E qui possiamo iniziare a capire quale sarebbe stato il criterio principale per essere scelto come uomo di punta dalle parti di Stamford: essere amato dalle folle. In unepoca ancora assai poco televisiva per il wrestling, un campione italiano adorato da un gran numero di immigrati in grado di riempire i palazzetti della costa est degli Stati Uniti (allora sede della maggior parte degli spettacoli) era visto come una manna dal cielo, tanto da fargli mantenere il titolo per ben quasi otto anni prima e per oltre tre anni dopo, inframezzato da un altro idolo di immigrati, questa volta latino americani, vale a dire Pedro Morales.
Fu per con lavvento della copertura televisiva di massa che la WWF, in mano ora a Vince McMahon, dovette cercare personaggi che potessero rappresentare in toto limmaginario del pubblico statunitense prima e mondiale poi. Fu cos che, un po per fortuna, un po per merito dei personaggi coinvolti, la WWF si trov in mano il volto perfetto, quello dellImmortale Hulk Hogan. Hogan aveva tutto ci che serviva per diventare il wrestling: carisma da vendere, un volto rassicurante da americano medio, una musica dentrata da brividi e capacit attoriali decisamente innovative per i tempi, tanto da creare una vera e propria mania mondiale: lHulkamania, Stiamo parlando, dopo tutto, degli anni 80, di un mondo visto dal pubblico USA in maniera del tutto manichea: americani contro sovietici, americani contro arabi, americani contro tutti. Con gli anni 90 sembrava per doverci essere il passaggio di consegne con The Ultimate Warrior, un personaggio pi calato in un mondo non pi bipolare, ma con molte pi sfaccettature. Se Hogan era il bianco contro il nero dellanimo umano, Warrior rappresentava molto pi la zona grigia che prevalente in tutti noi. La fine di unera si ebbe quindi a WrestleMania VI, l1 aprile 1990, con il passaggio di testimone tra i due. Peccato per che ci si misero di mezzo la guerra in Iraq e la totale ingestibile follia del Guerriero, per far s che gli anni 90 non fossero dominati da quello che doveva esserne il padrone naturale. Anni 90 che quindi rimasero di fatto senza un vero volto della federazione, perch n Bret Hart n Shawn Michaels (per quanto amati e di talento) riuscirono mai ad eguagliare nemmeno lontanamente la popolarit di Hogan, oltre al fatto che il pubblico si era innamorato della WCW, che offriva un prodotto pi fresco e pi vicino a quello che le nuove generazioni di un mondo ormai cambiato cercavano. Per fortuna, ancora una volta, fortuna e merito vennero incontro a Vince: un paio di ritocchi alla gimmick di due atleti e la WWF si trov in casa i volti per traghettare la federazione nel nuovo millennio. Stone Cold Steve Austin e The Rock avevano ci che serviva per fare innamorare quel pubblico di ragazzi e giovani uomini che ormai seguiva il wrestling: doti attoriali fuori dal comune (se The Rock diventato uno degli attori pi pagati al mondo un motivo c) e quellatteggiamento cocky (che potremmo tradurre con arrogante, ma con una valenza quasi positiva) che tanta presa ha sui giovani. Bere birra, corteggiare donne, andare contro lautorit (pur senza trasgredire una certa morale) fecero s che i due andassero over non solo tra il pubblico del wrestling, ma anche tra quello generico, cosa che appunto favor la successiva carriera ad Hollywood di The Rock.
Ci inoltriamo cos nel terzo millennio e l11 settembre ha lacerato di nuovo gli Stati Uniti ed il mondo tutto. Nessuno si sente pi ora cos cocky e la ora denominata WWE torna a rivolgersi principalmente alle famiglie. Si cerca cos un volto che possa essere rassicurante quanto Hogan, ma ancora pi impegnato nel sociale e in grado di essere devoto alla causa 365 giorni lanno per 24 ore al giorno, utilizzando anche le nuove possibilit offerte da internet. E queste caratteristiche sono tutte rappresentate da John Cena, un atleta in grado di surclassare chiunque altro nella vendita del merchandising, di girare i cinque continenti senza sosta, di spendersi in cause umanitarie e di rappresentare la WWE in ogni sorta di programma televisivo e di evento pubblico. In questo contesto il lottato passa in secondo piano, per essere riconosciuto come il volto: io per primo non ho mai amato il personaggio Cena in versione Superman indistruttibile, ma ho sempre provato un profondo rispetto per luomo, che non ha mai lesinato ogni brandello di energia per il bene del wrestling. Per queste ragioni il volto WWE nellera contemporanea non deve nemmeno necessariamente essere amato dal pubblico nei palazzetti o davanti alla tv! John Cena, per larga parte della sua carriera, ha avuto contro una consistente fetta di appassionati, ma ha fatto parlare di s nellepoca social, in unepoca, quindi, nella quale la tua popolarit si misura anche nella capacit di generale polemica.
Ora che, per ovvie questioni anagrafiche, il cammino dentro il ring della superstar di Boston sta volgendo al termine, la WWE ha la necessit di trovarne lerede, perch sar pur vero che la federazione piena di stelle di ottimo spessore, ma gli anni meno proficui sono stati proprio quelli nei quali non cera un vero e proprio cavallo da traino. Vince McMahon sembrato voler puntare fortemente su Roman Reigns, creando quasi un Cena-bis, ma i tempi sono cambiati di nuovo e fotocopiare un personaggio non ha mai portato a grandi risultati. Ora, un po per la malattia del samoano, un po perch scoraggiato dai bassi ascolti televisivi, lincoronazione di Reigns sembra essere rimandata, senza per che qualcun altro si sia affacciato a pretendere lo scettro di John Cena. Cosa accadr lo sapremo solo nei prossimi anni, ma ci che certo che nessuno pu venire imposto come volto della federazione, senza che ne abbia le qualit adatte. Ecco perch, se avremo un nuovo volto, non potr certo pioverci dallalto come un segno divino.



Appuntamento al mese prossimo!
I have wined and dined with kings and queens and Ive slept in alleys and dined on pork and beans.




Tutte le news sul tuo account Facebook con un LIKE! CLICCA QUI
Segui Tuttowrestling.Com sulla nostra pagina Twitter: @Tuttowrestling



Al momento non ci sono commenti

   

Questo sito non in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono propriet delle rispettive federazioni.
Copyright 2018 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n 08331011000

Cambia le Impostazioni Privacy

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE