TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 27.1 ROYAL RUMBLE 2020 REPORT
 26.1 Worlds Collide 2020 Report
 26.1 WWE Planet
 26.1 Impact Wrestling Report
 26.1 Wrestling Cafe
 26.1 WWE Main Event Report
 25.1 WWE Smackdown Report
 
 






 
 
 

Batista: "La AEW non è una competitor reale"


15/06/2019 23:53:37 by Daniele La Spina
 
[Indietro]

Batista Nel corso della giornata è stata pubblicata un’intervista sul canale YouTube del noto giornalista Chris Van Vliet in cui uno dei protagonisti e Dave Bautista. A margine dell’intervista sul film in uscita (il prossimo 12 luglio in USA, il 29 agosto in Italia), “Stuber” insieme al collega e co-protagonista Kumail Nanjiani, Batista ha parlato anche di wrestling.

The Animal ha raccontato di come a volte abbia fatto fatica a far capire alle persone la differenza tra il suo personaggio, molto aggressivo e cattivo, e la sua indole reale, molto rilassata e gentile. Batista ha inoltre scherzato a proposito della caduta durante l’entrata del suo match a WM35 e ha poi affrontato vari temi come il ritiro e la nascita della AEW. Eccone alcuni estratti.

A proposito del suo ritiro:
“Il mio è un vero ritiro dal wrestling. Ho finito, la mia carriera in-ring è finita. Mi piacerebbe tornare nello show perché adoro la compagnia e credo nel prodotto. Se dovessero chiedermi di tornare, lo farei; mi piacerebbe mi chiedessero di entrare nella Hall Of Fame, lo farei. […] Ma non combatterà un altro match di wrestling. Andrò in bancarotta prima di combattere un altro match di wrestling. E non andrà a combattere per un’altra promotion. Non succederà”.

Sulla nascita della AEW e sul suo essere reale competitor della WWE:
“Non la vedo come una rivale credibile. La vedo come una rivale, che è una grande cosa. Ci dovrebbero sempre essere concorrenti. Ma finché non produrranno le loro star di massimo livello, finché non avranno una produzione tanto grande quanto quella della WWE… Insomma la WWE ha già le prossime tre generazioni di Superstar perché hanno i centri di NXT in tutto il mondo ormai, sono così tanto avanti nel gioco che non vedo nessuna concorrenza reale. Non ci sono nemmeno vicini. Ma credo che la competizione sia una cosa davvero buona, specialmente nello sport-entertainment. Spero che continui ad esserci”.

Ecco di seguito l'intervista completa