TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 24.1 Natural Selection
 24.1 AEW Dynamite Report
 23.1 Orlando Report
 22.1 5 Star Frog Splash
 21.1 WWE Raw Report
 20.1 In Giappone a vedere Wrestle Kingdom
 20.1 WWE 205 Live Report
 
 






 
 
 

CM Punk avrebbe rifiutato un'offerta della AEW


19/11/2019 12:27:09 by Daniele La Spina
 
[Indietro]

CM Punk
Stando a quanto detto dal giornalista Bryan Alvarez durante il Wrestling Observer Live, CM Punk, che ora lavorerà su FOX per WWE Backstage, avrebbe rifiutato una grossa offerta della AEW.

Secondo Alvarez il presidente e amministratore delegato della AEW Tony Khan avrebbe incontrato Punk negli scorsi mesi: pare inoltre che la somma offerta al wrestler di Chicago fosse molto alta, con l'intento di convincerlo a tornare a lottare. Non ci sono invece ulteriori dettagli sulla durata del contratto o sul perché Punk abbia rifiutato. Non è chiaro infatti se l'offerta AEW sia avvenuta quando si vociferava, ossia quando la federazione stava prendendo le prime mosse, oppure se successivamente e dunque in mesi più recenti. Non è dato sapere dunque nemmeno se l'offerta di FOX fosse già arrivata (e se fosse superiore a quella della AEW) oppure se Punk avesse quantomeno sostenuto il provino voluto dal suo agente e che ha poi avvicinato le parti. Qualcuno ha suggerito che il rifiuto di un grosso contratto in un ambiente tutto sommato accogliente per Punk e le sue idee i wrestling sarebbe la dimostrazione che lo Straight Edge Wrestler non avrebbe intenzione di tornare a lottare in futuro, come ribadito dallo stesso diverse volte.

La notizia, che Alvarez ha dato citando una sua fonte, contraddirebbe quanto detto dalle parti nel recente passato. Sia la AEW che Punk hanno infatti detto di aver avuto dei contatti ma perlopiù amichevoli e hanno sempre smentito i presunti incontri per trovare un accordo. A margine di Double Or Nothing, Tony Khan aveva detto di aver sentito Punk per tentare di firmarlo ma di non averlo mai incontrato. Addirittura, di recente, il Second City Saint aveva parzialmente criticato la AEW, rea a suo dire di usare il suo nome solo per farsi pubblicità e che i contatti si fermavano in realtà ad alcuni messaggi di in bocca al lupo (cosa che aveva anche portato a qualche post sui social).

Naturalmente è un'indiscrezione che è da prendere con le pinze dato che non ci sono conferme in merito.