TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 17.1 Back to the Future
 18.1 WWE NXT Report
 17.1 WWE NXT UK Report
 16.1 Bet on him - BET ON... SPECIALE TAKEOVER BLACKPOOL
 16.1 AEW Dynamite Report
 15.1 TW Risponde
 14.1 WWE Raw Report
 
 






 
 
 

Joey Ryan spiega i motivi del rifiuto alla AEW


15/06/2019 23:23:05 by Daniele La Spina
 
[Indietro]

Joey Ryan Durante l'ultima intervista rilasciata al NotSam Wrestling Podcast di Sam Roberts, Joey Ryan ha parlato di vari temi, toccando inevitabilmente la sua scelta di non firmare né per la WWE, né per la AEW. In molti sono rimasti sorpresi dal fatto che non abbia scelto soprattutto quest'ultima opzione.

Ryan ha spiegato il motivo del suo rifiuto all'offerta AEW, che a tutti gli effetti era arrivata.

"La gente continua a pensare che faccia parte della AEW o che lo sarò presto. Quei ragazzi sono i miei migliori amici e questo non cambia. Ho avuto lunghissime discussioni con loro e nemmeno loro erano convinti che quello che faccio possa essere mostrato in televisione. Non hanno un'idea specifica per me perciò quando ne parlavamo era tutto un:
"se ti portiamo con noi, forse dovremo toglierti ciò che ti rende over ora". Allora sarebbe stata una scommessa per me, non solo dal punto di vista creativo ma anche da quello economico, perché sto facendo più soldi adesso che con quel contratto, almeno all'inizio sarebbe stato così. Perciò avrei dovuto tagliarmi lo stipendio e, essenzialmente, ricominciare da capo. Ne abbiamo parlato ma non aveva senso. Mi sembrava che sarebbe stato irresponsabile da parte mia, anche per dove mi trovo nella mia vita, a livello economico, per il mio posto [nel mondo del wrestling] e dal punto di vista creativo. Sarebbe stato un rischio che non serve che corra".

Ryan ha poi chiarito che non è una chiusura definitiva:

"Abbiamo capito che sarebbe stato tranquillamente un successo anche senza di me e che io avrei avuto successo senza di loro. Forse i nostri cammini si incroceranno a un certo punto, ma non c'è nessuna urgenza di farlo. Nessuno di noi ha bisogno dell'altro in questo momento. Sarebbe bello lavorare con i miei amici ma non è necessario al momento, non finché non si rendono bene conto del prodotto e di come vogliono presentarlo".