TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 27.1 ROYAL RUMBLE 2020 REPORT
 26.1 Worlds Collide 2020 Report
 26.1 WWE Planet
 26.1 Impact Wrestling Report
 26.1 Wrestling Cafe
 26.1 WWE Main Event Report
 25.1 WWE Smackdown Report
 
 






 
 
 

Shorty G intervistato su vari temi


27/10/2019 16:00:23 by Giovanni Motta
 
[Indietro]

Shorty G Sports Illustrated ha recentemente intervistato la superstar WWE Shorty G (precedentemente Chad Gable), che ha discusso del cambio di nome, dell’aiuto avuto da The Miz e altro. Di seguito sono riportati alcuni punti salienti.

Su cosa sia la WWE:
 “Molte persone considerano la WWE una compagnia di wrestling, ma alla fine è una compagnia di intrattenimento. Ho dovuto imparare anche quello. Sono una delle persone che si sono innamorate del wrestling a causa dell'atletismo, ma questa non è l'unica parte di ciò che facciamo qui. WWE intrattiene."

Sulla gimmick di Shorty G: 
“La chiave è approfittare quando ne viene data l'opportunità. Proprio prima che uscissi la scorsa settimana per fare il promo di Shorty G, Bruce Prichard mi ha detto di renderlo mio e sentirlo. Quel promo, l'ho sentito molto profondamente. L'altezza è un messaggio sul superamento di qualunque cosa la gente creda siano i tuoi difetti. Tutti possono identificarsi con quello. Questo è un fattore che a Chad Gable, fino a questo punto, era mancato. Ora sai cosa rappresenta e cosa intende. Venerdì scorso è stato il primo passo in questo processo e sarà solo più grande.”

Su come The Miz lo abbia aiutato: 
“Miz è qualcuno che mi ha aiutato molto. Ha iniziato a darmi idee e mi ha spiegato perché molte delle mie idee davvero serie non funzionavano. Ho iniziato a capire la sua visione, e ora sono fuori e corro con questo nuovo personaggio. Mi divertirò moltissimo e non vedo l'ora di affondarci i denti.”

Su ciò che ha imparato dal wrestling amatoriale: 
“Il wrestling amatoriale mi ha insegnato a superare le battute d'arresto. Ho fatto parte della squadra olimpica, ma non è successo in un giorno. Mi ci sono voluti otto anni e ho perso molti match lungo la strada, ma ho imparato quella tenace capacità di non smettere. Il wrestling mi ha insegnato a non permettere mai che i tempi bui diventino troppo scuri, e mi ha aiutato a capire che i grandi momenti non durano per sempre, quindi è necessario lavorare continuamente per far accadere le cose buone."

Sulle idee proposte a Vince McMahon: 
“Alla fine Vince si rese conto, dopo essere andato nel suo ufficio tantissime volte, ascoltando le idee delle vignette che avevo creato a casa e leggendo i passi che avevo scritto, che non me ne sarei andato. Odiavo separarmi da Jason Jordan. Era il mio migliore amico al mondo e stavamo facendo grandi match. Quello era il punto in cui avrei potuto ribaltarmi e morire o aspettare che avessero trovato qualcosa per me, ma non l'ho fatto: ho avuto una nuova idea e l'ho lanciata ogni settimana. Non sono necessariamente andati avanti con molte di queste idee, ma hanno dimostrato che hanno un ragazzo affamato e pronto a fare colpo.”

Su chi sia l'avvesario dei suoi sogni: 
“Ci sono tanti ragazzi nel nostro roster con cui mi piacerebbe lottare, ma ho sempre visto Daniel Bryan come il mio avversario da sogno. Abbiamo una somiglianza nelle dimensioni e nello stile, e ho sempre ammirato sia la sua persona che il suo stile di lotta. Mi piacerebbe lottare con lui."

Sul realizzare la sua visione e quella della WWE: 
“Sto lavorando duramente per realizzare la loro visione e la mia visione, e proprio ora, stiamo arrivando allo stesso punto. È un momento piuttosto speciale per quel che riguarda la mia attuale carriera, e continuerò a lavorare per essere qualcuno in cui investire.”